Viaggio di nozze – San Francisco

Il nostro viaggio di nozze è iniziato a San Francisco, in California. È una città che sognavo di visitare fin da bambina, i racconti di viaggio dei miei genitori e i numerosi telefilm ambientati qua mi avevano sempre messo una grande curiosità. Il primo agosto abbiamo preso un volo intercontinentale da Roma a Charlotte (North Carolina), dove abbiamo fatto i controlli per l’ingresso in USA, e poi un volo interno per San Francisco, atterrando in tarda serata con ben 9 ore di fuso orario rispetto all’Italia.

Dopo aver ritirato i bagagli, ci siamo subito affidati a quello che sarebbe stato il nostro mezzo di trasporto preferito nelle grandi metropoli americane: Uber. Tramite l’app si chiama un’auto nelle vicinanze e, indicando la destinazione da raggiungere, si scopre subito il costo della corsa, indipendentemente dal traffico; ci siamo sempre trovati bene e abbiamo risparmiato un bel pò rispetto al taxi.
Una volta arrivati al Serrano Hotel, posizionato nella centralissima zona di Union Square, siamo letteralmente crollati; la mattina seguente eravamo prontissimi e super carichi per scoprire la città! La prima cosa che ci ha piacevolmente colpito è il clima: avevamo lasciato una Firenze infuocata, mentre qui le temperature non superano mai i 22-24 gradi neanche in piena estate, e in mezzo alla tipica nebbia spuntano anche splendide giornate di tiepido sole. Abbiamo percorso a piedi Market Street, una delle vie principali della città, arrivando nella zona portuale dove si trovano il Pier 1 e il Ferry Bulding.

Da qui siamo tornati verso il centro delle città, attraversando il Financial District, per arrivare al capolinea dei tram di Powell Street, dove la rotta dei Cable Cars viene invertita a mano su una curiosa pedana girevole! Qui la coda per salire a bordo è lunghissima, quindi abbiamo deciso di andare a una delle fermate in Union Square. Per puro caso siamo saliti su un tram su cui era in corso una lezione di guida, quindi non abbiamo pagato la corsa e ci siamo divertiti un sacco perchè il guidatore non era ancora molto pratico con le ripide salite e alcune volte è dovuto tornare in basso per prendere più rincorsa! Durante il giro in tram si possono ammirare scorci stupendi della città stando attaccati ad un palo sul retro del vagone. Siamo scesi in cima a Lombard Street, la famosa strada con i ripidissimi tornanti tra le case, e da qui abbiamo continuato il nostro giro a piedi nei dintorni; le case sono molto caratteristiche, tutte ordinate e colorate, e passeggiare perdendosi tra le strade è un vero piacere.

Con l’autobus siamo tornati verso sud raggiungendo il quartiere Castro, cuore della comunità gay di San Francisco, dove le bandiere arcobaleno rendono tutto coloratissimo. Qui è nato l’amore con una delle grandi scoperte di questo viaggio: Whole Foods, la catena di supermercati bio più grande al mondo, che ci ha consentito di mangiare cibo vero – Verdura. Sì, negli USA. No, non fritta – durante il nostro soggiorno.

Dopo aver camminato per diversi chilometri attraversando lo psichedelico quartiere di Haight-Ashbury abbiamo raggiunto il Golden Gate Park, dove abbiamo visitato il Japanese Tea Garden. La giornata stava per concludersi e le nostre gambe gridavano pietà, ma mancava ancora una tappa fondamentale: Alamo Square Park e le pastellosissime Painted Ladies, che sono adorabili! Dopo una breve sosta per ammirare i murales di Balmy Alley, abbiamo terminato il nostro primo giorno in città con una cena creola.

 

Il secondo giorno è iniziato a China Town, il quartiere cinese più antico tra quelli statunitensi. Per raggiungere la Coit Tower, il più alto punto panoramico di San Francisco, abbiamo percorso a piedi una salita allucinante, ma la vista ha ripagato la fatica. Mesi prima avevamo prenotato la visita all’isola-prigione di Alcatraz, quindi ci siamo diretti verso il Pier 33, dove partono i traghetti. Quel giorno la nebbia era fitta e nella breve traversata in barca era davvero freddissimo! Siamo saliti in cima all’isoletta, dove si trova la prigione, che abbiamo visitato seguendo l’audioguida che racconta la storia di Alcatraz dal punto di vista di alcuni dei prigionieri.

Conclusa la visita, abbiamo pranzato al Pier 39 di Wisherman’s Wharf con due piatti tipici: sandwich al granchio e zuppa di vongole servita in una pagnotta scavata. Dopo un saluto ai leoni marini, abbiamo noleggiato le biciclette per attraversare il Golden Gate Bridge, raggiungendo la cittadina di Sausalito dalla parte opposta della baia: è un percorso di 9 miglia (circa 14,5 chilometri) che prevede un paio di salite niente male, ma la vista è stupenda e, una volta raggiunta l’altra sponda, è bello ammirare la città da una diversa prospettiva. Dal centro di Sausalito, abbiamo preso un traghetto caricando la bici a bordo e siamo tornati a San Francisco. Il vento forte e la sfacchinata in bicicletta si facevano sentire, per cui dopo una sosta da Whole Foods per una cena veloce abbiamo preso un Uber e siamo tornati in hotel.

L’indomani mattina abbiamo salutato San Francisco e abbiamo raggiunto Las Vegas con un volo interno. Nonostante i ritmi serrati, siamo riusciti a visitare tutto ciò che ci interessava; la prima tappa del viaggio di nozze ha soddisfatto le nostre aspettative, lasciandoci tanti ricordi e un bel po’ di anneddoti da raccontare

Il nostro soggiorno in pillole:
– Quanto: 2 giorni – 3 notti
– Dove: Serrano Hotel, nei pressi di Union Square
– Spostamenti: a piedi (33 km in appena due giorni), Uber, bici a noleggio

Consigli utili:
– Telefono: appenna atterrati, la TIM mi ha inviato un sms per propormi l’offerta TIM In Viaggio Pass – 20 € per 10 GB, 500 minuti e 500 sms per una durata di 10 giorni; dall’Italia avevo consultato le varie opzioni e valutato di acquistare una sim statunitense, ma questa opzione è risultata la più vantaggiosa.
– Visita ad Alcatraz: è necessario acquistare con largo anticipo il biglietto (qui il link diretto), che comprende traghetto, ingresso e audioguida.

Vi aspetto nei prossimi post con le altre tappe del viaggio!

2 thoughts on “Viaggio di nozze – San Francisco”

  1. Finalmente sono riuscita a leggere questo articolo!
    Non sono mai stata a San Francisco, ma Lorenzo ci è stato per un mese per motivi di studio e dice sempre che è la sua città preferita nel mondo!
    Ovviamente non vedo l’ora di andarci… speriamo presto!
    Bellissimo racconto e bellissime foto!
    Un bacione ❤️

    1. Ciao Ilaria,
      grazie di cuore! San Francisco è davvero bellissima, una città con un fascino tutto particolare! Come prima tappa per il viaggio di nozze non poteva andarci meglio di così!
      Un bacione 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *